COSTA RICA: IL LUOGO PIÙ VERDE DELLA TERRA

06/02/2017

Continua il percorso della Costa Rica verso l’indipendenza dai combustibili fossili.

Di recente la Costa Rica si è ritrovato per la terza volta in cima all’Happy Planet Index , un nuovo indice di misuratore di felicità, redatto dalla New Economics Foundation (NEF) di Londra, che adotta criteri diversi rispetto al più celebre indice diffuso dalle Nazioni Unite, questo indice prende in considerazione anche la sostenibilità ambientale, e misura inoltre ciò che conta davvero: poter godere di una vita lunga e felice e avere la possibilità di vivere bene anche in futuro, spiega il creatore dell’indice Nic Marks. “Per troppo tempo ci si è basati solo su fattori di progresso misurati in termini economici e di produttività”, infatti i costaricani hanno un’aspettativa di vita più alta di quelli che vivono negli Stati Uniti.

Un fattore decisivo per la Costa Rica che è un paese ricco di biodiversità, con un’impronta ecologica pari a un terzo di quella degli USA, e meta turistica ambita dagli amanti della natura identificandolo come il paese più felice e sostenibile del pianeta Terra (ricordando che il paese ospita mezzo milione di specie vegetali e animali diverse). I suoi paesaggi, i vulcani, le cascate, le spiagge sono meta ideale per il turismo d’avventura. la sua natura selvaggia permette di entrare in contatto con animali e paesaggi unici al mondo. Ma è anche un paese che avrebbe da insegnare al mondo un paio di cose su ciò che significa vivere una vita verde.

Però la felicità non è direttamente proporzionale all’utilizzo delle risorse o allo sfruttamento incontrollato dell’ambiente. Il WORD ECONOMIC FORUM, calcola che la Costa Rica sfrutta all’incirca un quarto delle risorse normalmente adoperate nel mondo occidentale.

Nell’estate del 2016,sostiene l’Istituto Nazionale per la Corrente Elettrica (ICE), ha fatto esclusivamente affidamento sull’energia prodotta da fonti rinnovabili al 100% per 76 giorni consecutivi, cioè dal 16 giugno al 2 settembre, in quel lasso di tempo il paese ha adoperato zero combustibili fossili, e non ha bruciato gas carbone o petrolio per trarne corrente.

Non è stata neanche la prima volta in cui il paese è riuscito a funzionare solo grazie all’energia idroelettrica, eolica, solare e geotermica. Anzi, nel corso degli ultimi due anni il Costa Rica ha fatto esclusivamente affidamento sulle rinnovabili per un totale di 299 giorni. L’obiettivo è raggiungere la completa indipendenza entro il 2021, obiettivo non facilmente raggiungibile ma, se calcoliamo che l’idroelettrico fornisce già l’80% del fabbisogno a circa 1 mio di abitanti e che sono in atto realizzazioni di nuove centrali, una delle quali fornirà energia elettrica a circa un terzo degli abitanti. La Costa Rica sta inoltre adoperando i propri vulcani per imbrigliare l’energia geotermica.

Uno dei gioielli della corona del Costa Rica nonché prima meta a neutralità carbonica del pianeta è La Fortuna, una cittadina la cui economia è fondata sull’agricoltura, diventata meta obbligata per i turisti affascinati dal turismo sostenibile. La Fortuna vanta il famoso vulcano Arenal, assieme ad altre meraviglie della natura come cascate, foreste pluviali e sorgenti termali. La Fortuna, che ha messo la sostenibilità al primo posto, si è dotata di una serie di eco-lodge e hotel attenti all’ambiente. I resort del posto raggiungono lo status di neutralità carbonica, controbilanciando la propria impronta con iniziative di rimboschimento, e adoperando il vulcano Arenal per riscaldare l’acqua (invece di farlo in modo artificiale).

Il Costa Rica si è inoltre impegnato in una serie di progetti nazionali di riforestazione, mentre la scelta anticonvenzionale in quanto efficace  di adottare il PES (pagamenti dei servizi eco sistemici), stimola i proprietari terrieri a trattare l’ambiente in modo tale che anche altri ne traggano beneficio, derivandone allo stesso tempo un vantaggio in termini economici.

Il paese avrà anche una popolazione di meno di cinque milioni di persone, ma quanto ad ambientalismo e sostenibilità non smette mai d’innovare, tanto che a paesi ben più grandi in tutto il mondo si chiede d’andare a lezione da questo rigoglioso paese centro-americano.

 

Fonte: HUFFINGTON POST

Pubblicato il 24/01/17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *