Nat Geo Costa Rica

03/07/2018

La serie Nat Geo Wild, Untamed Costa Rica, documenta la fauna selvatica del paese. Ogni capitolo è stato registrato con tecnologia slow motion che ha catturato angoli minuscoli di diversità etnica. In questo programma si conosce da vicino la storia di ogni animale protagonista.

Un colibrì muove le ali fino a 80 volte al minuto. Quel fluttuante incessante evita di discernere più dettagli della sua piccola figura, ma la nuova serie Untamed Costa Rica, permetterà di osservarla fino allo sfarfallio, grazie alla registrazione di apparecchiature di produzione con telecamere ad alta tecnologia, con la capacità di catturare 3000 fotogrammi in un secondo e trasformare quel tempo in due minuti.

Gli spettatori di Nat Geo Wild avranno anche l’opportunità di osservare da vicino il volo di uno scarabeo tornasole, la sincronia dettagliata e ipnotizzante della lingua e il rantolo di un serpente, tra gli altri approcci sorprendenti a diverse creature che abitano in Costa Rica.

Untamed Costa Rica è la seconda stagione della serie iniziata come Untamed United States; In quel paese ha raggiunto più di tre milioni di telespettatori, Filipe DeAndrade, un presentatore audace e iperattivo della serie, ha dettagliato gli aspetti che ha valutato scegliendo la Costa Rica per registrare il sequel del programma che avvicina lo spettatore alla natura.

“Abbiamo scelto il Costa Rica perché ospita il 5% delle specie conosciute del nostro pianeta e anche perché c’è un profondo apprezzamento e impegno per la salvaguardia dell’ambiente”, ha affermato.

Facendo un confronto tra il lavoro svolto negli Stati Uniti e ora nel nostro paese, DeAndrade afferma che la piccolezza del territorio nazionale e la grandezza che è posseduta in termini di biodiversità, hanno facilitato il loro lavoro.

“In questo piccolo paese c’è troppa diversità per poter filmare tutto ciò che si voleva. Negli Stati Uniti abbiamo investito molto tempo e denaro nella mobilitazione e nella realizzazione di un film. In Costa Rica tutto è vicino; ci sono state occasioni in cui abbiamo potuto vedere scimmie e tucani quando siamo partiti; poi in breve tempo abbiamo raggiunto il mare e abbiamo potuto vedere balene e delfini. Essere qui è stato più facile per la produzione “, ha spiegato.

Come hanno fatto?

Per registrare i 10 capitoli che compongono Untamed Costa Rica, il team di lavoro di Confort Theory (produttore che lavora per Nat Geo) è composto da Filipe De Andrade, il produttore McKenzie Barney, il regista e montatore Brian Moghari sono stati immersi in diversi angoli del paese con telecamere di ultima generazione, droni e tutta la disposizione per essere ospiti di tutti i tipi di animali selvatici.

A bordo di un grande furgone bianco, i giovani hanno visitato La Isla del Coco, La Fortuna de San Carlos, la penisola di Osa (nel bacino di Águila de Osa), San Ramón (Villa Bianca Riserva) Santa Rosa, a Guanacaste, Manel Antonio, tra altri siti reconditi e paradisiaci in cui hanno trovato una grande varietà di creature.

Nell’ultimo posto menzionato, la squadra è entrata nella riserva di Greentique Wildlife Refuge, appartenente all’Hotel Yes come nessun Resort & Wildlife, riconosciuto in tutto il mondo per garantire la preservazione della natura.

Nella riserva della foresta tropicale umida i ragazzi hanno condiviso con alcune delle creature che ci sono: tucani, colibrì, tartarughe, mammiferi di vario genere, e molto altro ancora.

In questo e negli altri luoghi in cui hanno filmato, sanno di essere ospiti, quindi rispettano lo spazio di ogni animale. Per le registrazioni hanno contato sull’aiuto di biologi, veterinari e guide naturalistiche.

Henry Sequeira, guida naturalista del Greentique Wildlife Refuge, ha spiegato a La Nación che per il benessere di ogni animale, non gli è stato permesso di lavorare con loro per più di 30 minuti. “La nostra idea è di proteggerli, non di stressarli”, ha detto.

Salì sulle cime degli alberi alla ricerca di scimmie, tucani e bradipi; imitava con i colori dei vestiti in cui potevano nascondersi nelle sabbie bianche a cui le tartarughe vengono a deporre le uova; o immersi nel mare osservando la migrazione dello squalo martello, è stato come la squadra è riuscita a catturare parte del materiale che verrà mostrato nella serie.

“Abbiamo girato sei mesi e vorremmo continuare a farlo. Gli animali hanno comportamenti imprevedibili, è difficile filmarli, sono cattivi attori: arrivano sempre tardi . Cerchiamo di coprire tutto il possibile “, ha spiegato DeAndrade.

La premessa di Untamed Costa Rica è mostrare da vicino il lato selvaggio di queste specie. Tuttavia, è inteso tradurre in ogni lingua possibile ciascuno dei capitoli in modo che i bambini abbiano accesso alla storia di ciascuna creatura.

Filipe e il suo team hanno raccontato aneddoti che l’esperienza in Costa Rica ha lasciato loro, un paese in cui sono venuti alla ricerca di una grande specie e sono abbagliati dalla grandezza delle creature che a volte passano inosservate.

Questo è il caso del bruco, che prima di diventare una farfalla si preoccupa solo di nutrirsi e non essere mangiato da un predatore, il suo grande vantaggio è che assomiglia ad un serpente e intimidisce i possibili attaccanti.

La quantità di materiale trovata nel paese ha permesso che oltre alle serie, che saranno trasmesse in televisione, nei social network di Nat Geo Wild vengano presentati 30 brevi video di diversi animali in modo che i follower possano avere un’idea di ciò che possono scoprire quando uscirà il sequel.

Il proattivo Filipe DeAndrade è la faccia che dirà i dettagli di ogni creatura allo spettatore. È un giovane brasiliano che ha sempre sognato di fotografare animali nel suo habitat e invita le persone ad “innamorarsi della natura”.

“Quando ami qualcosa, lo proteggi. L’ossigeno della Costa Rica mi dà questa energia, la natura ei ticos mi trasmettono energia, il tico ha già trasmesso la sua vita pura a me “, ha detto l’inquieto e rischioso regista di animali selvatici.

Prodotto del suo lavoro DeAndrade ha vinto 10 New York Emmy e Nat Geo Wild  per ispirare la competizione di cortometraggi nel 2015, un premio che gli ha permesso di visitare cinque paesi in Africa.

Filipe è un uomo libero che indossa i suoi lunghi capelli e un anello sul labbro, che non ha bisogno di lusso e comfort per fare il suo lavoro, con le giuste telecamere e le nuove creature selvagge per sapere che ha tutto. DeAndrade trasmette energia, non si ferma e sorride sempre. Dice che si identifica con la “Vita pura!”.

In questa nuova serie di Nat Geo Wild verrà fatto vedere un nuovo angolo di paradiso delle creature selvagge più incredibili, ogni capitolo permetterà di osservare da vicino la straordinaria natura della selvaggia Costa Rica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *