TURISMO SOSTENIBILE

18/09/2017

Con il suo 4% della bio-diversità mondiale, la Costa Rica è una terra importante per biologi ed ecologisti ormai da più di 50 anni. Infatti offre una varietà di paesaggi, dalle montagne ai vulcani, dalle spiagge e foreste tropicali ai laghi e cascate, tutte situate in una regione relativamente piccola.

La flora e la fauna sono variegate e così vengono protette in 24 parchi nazionali, che coprono il 21% del territorio nazionale.
Ecco perché questo piccolo paese ha fatto della sua bio-diversità una bandiera, attraendo viaggiatori con una nuova forma di turismo: l’eco-turismo. Adesso la Costa Rica è considerata una delle mete eco-turistiche più importanti al mondo.

 COSTA RICA SEMPRE PIÙ SOSTENIBILE 

Nuovo record per il Costarica: nei primi sei mesi del 2017 ha raggiunto il 99,35% di elettricità fornita da fonti rinnovabili. Passi avanti anche sul fronte del turismo sostenibile.

Modello di riferimento di pratiche sostenibili a livello globale e pioniere in questo campo, il Costa Rica, nazione situata tra gli stati di Nicaragua e Panama, in America Centrale, ha stabilito un nuovo importante record. Nei primi 6 mesi del 2017, il Paese ha prodotto il 99,35% di elettricità da fonti rinnovabili, come rilasciato dal Centro Nazionale di Controllo dell’Energia costaricano (CENCE). Cifra che batte ogni risultato finora registrato negli ultimi trenta anni, come si evince dai dati pubblicati dall’Istituto Costaricano di Elettricità (ICE).


Dei 5.575 Giga watt prodotti, il 74,85% proviene da energia idrica, l’11,10% da energia geotermica, l’11,92% da energia eolica, l’1,47% da biomasse, lo 0,01% da energia solare e solo lo 0,65% prodotto con supporto termico.
Già nel 2016 il paese aveva battuto il proprio record coprendo per 250 giorni il fabbisogno di elettricità con la produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili come eolica, termica, solare e idrica grazie alla guida dell’Istituto Costaricano di Elettricità (ICE).
Anche a livello turistico, l’Ente del Turismo di Costa Rica (ICT) ha progettato e creato il programma di Certificazione per il Turismo Sostenibile (CST) con l’obiettivo di differenziare le aziende del settore del turismo in base al loro grado di sostenibilità in termini di natura, cultura e gestione delle risorse sociali.

Riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale del Turismo (UNWTO), il programma CST non solo valuta, ma assiste anche i proprietari delle aziende nel prendere decisioni strategiche che determineranno la conservazione a lungo termine dell’ambiente di Costa Rica. Il Paese infatti vanta ben il 5% della biodiversità del mondo. Vero tesoro naturale, gran parte del territorio è protetto dal Sistema Nazionale di Conservazione delle Aree, che si occupa di tutelare il 26% del territorio nazionale.

I turisti che oggi visitano la Costa Rica contribuiscono al principale introito dell’economia nazionale e hanno quindi, come mai prima d’ora, il potere di proteggere l’ambiente del paese. In che modo? Pendendo con oculatezza, indagando sull’autentica sostenibilità di alcuni progetti e semplicemente evitando infrastrutture e operatori turistici che mettono a rischio il futuro del paese.

Nella sua forma più essenziale, turismo sostenibile significa trovare l’equilibrio ideale tra viaggiatore e ambiente circostante, il che implica essere consapevoli delle conseguenze del proprio comportamento in fatto di consumo di acqua ed energia e di impatto su ambiente e comunità locali. Le iniziative volte al turismo sostenibile appoggiano le proprie comunità assumendo personale locale e pagandolo in modo equo, promuovendo i diritti civili e delle donne e sostenendo la scuola, l’arte e la produzione alimentare locale. Se per esempio, uno è attratto dal lavoro di un artigiano locale, è utile acquistarlo: ogni dollaro, infatti, influisce sulla microeconomia della zona in maniera diretta, oltre che gratificante.

COME RICONOSCERE LE STRUTTURE ECOCOMPATIBILI

Ecco i requisiti di base perché una struttura possa essere definita ecocompatibile:

Hotel e ristoranti: programmi di riciclaggio di rifiuti, gestione efficace delle sostanze inquinanti e utilizzo di fonti di energia alternative e illuminazione naturale.

Un punteggio elevato ottenuto sulla base di un indice di sostenibilità ufficiale. In Costa Rica il certificato para la Sostenibilidad Turistica (CST; www.turismo-sostenible.co.cr), omologato dal governo, classifica le imprese secondo una scala articolata in cinque foglie. I fattori presi in considerazione dal CST comprendono parametri fisico – biologici, tipo di infrastrutture e servizi e ambiente socioeconomico, compresa l’interazione con le comunità locali.

FONTE: LONELY PLANET COSTA RICA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *