Riserva biologica di Monteverde, tipica foresta nebulare

11/07/2012

I venti caldi ed umidi dei Caraibi soffiano sui pendii della Cordillera de Tilaran e si condensano in nuvole, creando il caratteristico habitat della Riserva di Monteverde (Reserva Biologica Bosque Nuboso Monteverde), una tipica foresta nebulare del Costa Rica. La riserva di Monteverde è una magnifica riserva naturale che si trova all’interno delle provincie di Puntarenas e Alajuela e si estende per 10.500 ettari (26.000 acri) con dislivelli che vanno dai 600 ai 1800 metri sul livello del mare. La riserva prende il nome dalla vicina cittadina di Monteverde ed è stata fondata nel 1972 da George e Harriet Powell, per preservare la sua biodiversità. In quegli anni infatti abusivi e cacciatori mettevano a rischio l’integrità della straordinaria ricchezza biologica della zona. Nel 1975, agli iniziali 328 ettari della riserva, furono annessi altri 554 ettari della pacifica comunità Quacchera che si stabilì a vivere in zona dall’Alabama all’inizio degli anni ’50. Questo è diventato il Reserva Biologica Bosque Nuboso Monteverde , amministrato dal Tropical Science Center.

La riserva, suddivisa in sei zone ecologiche specifiche, il 90% delle quali è costituita da foresta vergine, viene visitata da circa 70mila persone ogni anno. Le fitte nebbie che dominano tutta la riserva creano un ambiente suggestivo e davvero unico. Il visitatore si trova come catapultato in una foresta magica. Attraverso i sentieri che si addentrano nella foresta è possibile venire a contatto con una natura unica e primordiale. Questi sentieri, ben segnalati, sono mantenuti in ottimo stato dall’amministrazione della riserva soprattutto durante la stagione secca che va da dicembre ai primi di maggio. Qualche problema può essere riscontrato durante la stagione delle piogge quando diventano fangosi e difficili da praticare. La Riserva di Monteverde può essere visitata sopra ponti sospesi o anche con i canopy tour: protetti da caschetti, guanti ed imbracature i turisti si lanciano da banchine fissate sugli alberi appesi a delle fune, scivolando in velocità su boschi, cascate e radure. Un modo alternativo per ammirare dall’alto un luogo speciale come la riserva biologica di Monteverde.

FAUNA

A Monteverde è presenta una biodiversità estremamente elevata. Nella riserva vivono oltre 161 specie di anfibi e rettili ed è conosciuta nel mondo per essere stata l’unico habitat nel mondo del rospo dorato, una specie dichiarata estinta nel 2004, ma qui avvistata per l’ultima volta nel 1989. 91 specie di uccelli migratori di lunga distanza passano attraverso Monteverde durante la loro migrazione dopo essersi riprodotti in Nord America. Anche il Quetzal splendente, l’uccello dei maya, vive in questa riserva ed è riconoscibile grazie al suo piumaggio sgargiante dai riflessi verdi ed il ciuffo di penne sul capo. La fauna di mammiferi che vivono a Monteverde comprende marsupiali, conigli, scoiattoli, primati, cervi, cinghiali, tapiri, pipistrelli e felini.

I commenti sono chiusi.