Immersioni: i diving sites più belli

16/03/2012

Una delle attività più emozionanti che si possono praticare in Costa Rica sono le immersioni subacquee. Un modo suggestivo di coniugare sport e natura, in alcuni tra gli scenari più belli al Mondo. Le località più famose del Paese per le immersioni sono Isla del Coco e Playas del Coco, che contrariamente a quello che si può pensare non sono affatto vicine tra loro, ma anche Drake Bay, Caño Island, Isla Catalina, Islas Murcielagos, Pixie Rock, Coral Gardens, Manuel Antonio e Quepos sono ottimi diving sites.

Se avete in programma di fare immersioni durante il vostro soggiorno in Costa Rica, oltre a prevedere un itinerario di viaggio, tenete conto anche del periodo dell’anno. Nei mesi tra dicembre e aprile le acque sono più fredde, intorno ai 21° C, mentre da maggio a novembre la temperatura media è di 27° C.

Anche le specie marine che si possono osservare tendono a variare durante le stagioni: nei mesi estivi sarà possibile incontrare delfini, balene pilota e con la gobba; nei mesi invernali tartarughe di varie specie, mante giganti e squali balena. Durante tutto l’anno si osservano anguille, polpi, pesci farfalla, angelo (anche reale), ballerina spagnola e napoleone. Peculiarità dell’Isla del Coco è la possibilità di incontrare gli squali martello.

La visibilità dei fondali cambia molto da sito a sito, e a seconda della stagione e dell’orario. Le acque tiepide del Costa Rica sono ricchissime di plancton. La presenza di tanto cibo rende possibile una fauna abbondante e variegata, ma intorbidisce le acque. Gli appassionati di questo sport però sanno che l’opportunità di avere tanti incontri con le creature marine rende del tutto trascurabile la limitata visibilità del fondale.

Isla del Coco

L’isola è celebre per la sua riserva naturale. Le sue acque infatti sono un ambiente incontaminato dove proliferano gli squali martello. Per vivere l’eccezionale esperienza di nuotare (a debita distanza) con questi maestosi abitanti del mare, è necessario ottenere un permesso d’immersione, perché gli accessi sono ristretti a un certo numero ogni anno, al fine di preservare il sito. Non solo: l’isola si trova ad alcune centinaia di chilometri a largo, quasi all’altezza della Bolivia, quindi può rivelarsi una gita piuttosto dispendiosa sul lato economico, organizzativo e anche in termini di tempo. Lo spettacolo, però, una volta immersi è senza eguali.

Playas del Coco

Situata sulla costa pacifica nella regione del Guanacaste, ricca di località dove fare immersioni, la Spiaggia del Cocco è da visitare quando il clima è umido e le acque sono più fredde. Nei pressi si trovano altri due siti d’interesse: Isla Catalina e Islas Murcielagos. In questa zona è possibile fare incontri ravvicinati con balene, murene, razze dorate, acquile di mare, baby mante, carangidi, squali balena (a Isla Catalina) e squali toro (nelle acque di Islas Murcielagos).

Isla del Caño e Drake Bay

Da visitare tra metà novembre e fine aprile, durante la stagione secca, quando la temperatura oscilla tra i 28° C della superfice ai 18° in profondità. La visibilità in questa zona è abbastanza ridotta e il punto migliore per immergersi è El Barco, che raggiunge 18 metri di profondità. Anche Isla del Caño è un’area protetta: gli accessi sono controllati ed è proibito raccogliere conchiglie e piante marine. Tra gli incontri che si possono fare: balene megattere, squali pinna bianca, mobule, garden eels, carangidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *